Torre di Punta Pagana

Torre di Punta Pagana

Fra San Michele di Pagana e la spiaggia di Prelo emerge un promontorio coperto di pini marittimi, entro cui si annida una delle poche torri “saracene” liguri non inglobate in abitazioni o svilite da usi impropri.

Eretta nella seconda metà del XVI secolo, la Torre, massiccia sentinella in pietra con funzioni di guardia, è un documento di un’epoca in cui le coste liguri correvano di continuo pericoli dovuti alle incursioni di navi corsare. Fu proprio uno di questi tragici sbarchi a spingere gli abitanti di San Michele a chiedere che il borgo fosse messo in maggiore sicurezza.

Un contributo di 600 lire fu fissato, per la realizzazione della Torre, il 16 maggio 1562 dal podestà di Rapallo Gerolamo Giustiniani.

La donazione al FAI, ha offerto l’occasione per restaurare la Torre e curare la sopravvivenza delle specie arboree circostanti. L’Associazione Amici del FAI ha elargito un contributo per la manutenzione e la pulizia del bosco.