Siamo lieti di invitarvi alla presentazione del progetto Arte. Un ponte tra culture che si terrà il 17 febbraio 2011, ore 11.30, a Villa Necchi Campiglio (via Mozart 14, Milano).

Parteciperanno:

• Ilaria Borletti Buitoni (Presidente FAI – Fondo Ambiente Italiano)
Giosi Conte Archetti (Presidente Amici del FAI)
Marco Vitale (Economista d’impresa)
Andrea Arcai (Assessore alla Cultura, Turismo e P. I. Comune di Brescia)

» Scarica l’invito della presentazione e il comunicato stampa

Segue aperitivo

R.S.V.P.
Tel. 02 467615203
i.redaelli@fondoambiente.it


ARTE. UN PONTE TRA CULTURE

L’arte che avvicina e unisce

Presentazione progetto Arte. Un ponte tra culture

La cultura come strumento d’integrazione. Si può riassumere così lo spirito del progetto Arte. Un ponte tra culture, l’iniziativa promossa dall’Associazione Amici del FAI con la collaborazione del Centro Migranti della Diocesi Bresciana, allo scopo di favorire l’integrazione degli immigrati attraverso il linguaggio dell’arte, della cultura e della bellezza.

Il progetto si esprime concretamente nella realizzazione di un corso per Mediatori Artistico-Culturali aperto a stranieri e articolato in 14 lezioni e visite a monumenti, palazzi, chiese, musei, con l’obiettivo di conoscere la storia e avvicinarsi al patrimonio artistico-culturale della propria città. Al termine del corso, i partecipanti riceveranno l’attestato di Mediatori Artistico-Culturali, a testimonianza dell’impegno e dell’interesse per la storia della propria città e potranno accompagnare i loro connazionali alla scoperta dei monumenti e delle bellezze artistiche che li circondano. Il corso, attivato per la prima volta lo scorso anno a Brescia, ha saputo raccogliere in questa città ben 28 persone di 17 nazionalità diverse.

L’intuizione dell’Associazione Amici del FAI di fare dell’arte un canale per l’integrazione, si esprime anche in occasione della Giornata FAI di Primavera. Come sperimentato lo scorso anno a Brescia, Milano, Torino, Palermo e Padova, anche quest’anno, durante il week end della Giornata FAI di Primavera, verranno organizzate speciali visite guidate per stranieri. Le visite saranno suddivise per gruppi in base alle nazionalità e ogni gruppo avrà un connazionale che farà da guida, raccontando nella propria lingua le bellezze italiane – dal rumeno al cinese, dallo spagnolo al tagalog, dal russo all’arabo, dall’hindi al portoghese.

L’idea di organizzare Visite guidate in lingua nasce dalla consapevolezza che in un futuro – non troppo lontano – anche questi nuovi cittadini saranno chiamati a tutelare il patrimonio italiano – diventato anche loro – e l’approfondimento dell’arte e della storia locali può essere un valido canale per favorire l’inserimento e lo sviluppo di un sentimento d’identità.

Il progetto Arte. Un ponte tra culture non vuole formare esperti d’arte, ma mira piuttosto a favorire l’integrazione facendo avvicinare gli stranieri alla cultura italiana, nell’ottica di un patrimonio comune, da condividere e salvaguardare. Un corso dove “ognuno è considerato come persona, indipendentemente dalla sua storia” così come ha dichiarato Ali Sodok, tunisino, tra i primi partecipanti al progetto organizzato a Brescia – che ha aggiunto – “questa è la strada per l’integrazione: dare dignità alle persone. Sono sempre più convinto che il buonismo e l’aiuto fine a se stesso non servano a nulla. L’integrazione passa attraverso la conoscenza. Con il FAI, l’opportunità è stata grande, perché siamo riusciti a entrare in palazzi e monumenti che ci sono sempre sembrati lontani”.

La strada sinora fatta e la storia del progetto Arte. Un ponte tra culture, sono state raccolte in due libri. Entrambi ruotano attorno alla città di Brescia, città madre del progetto. L’augurio dell’Associazione Amici del FAI è che all’esperienza bresciana possano aggiungersene molte altre in tutta Italia. Le due pubblicazioni verranno presentate il 17 febbraio a Villa Necchi Campiglio e saranno distribuite a tutte le delegazioni FAI in occasione del Convegno nazionale FAI che si terrà a Napoli a fine febbraio.

Il primo libro, Appunti di arte italiana, è una sorta di manuale, ricco di informazioni, notizie sul mondo dell’arte e della cultura italiana, frutto delle esperienze e delle lezioni del corso. La prefazione è di Ilaria Borletti Buitoni, Presidente FAI. Il secondo, Viaggio, Racconti e Voci, contiene invece le interviste, raccolte dalla giornalista Anna Della Moretta, ad alcuni partecipanti al corso. Si leggono le storie, le speranze e le motivazioni che li hanno spinti a conoscere l’arte e la cultura di Brescia. La prefazione è dell’economista Marco Vitale.

La realizzazione grafica e la stampa dei due volumi sono di AGEMA CORPORATION, da quasi ottant’anni gruppo leader nella stampa. Negli ultimi anni AGEMA CORPORATION ha mostrato particolare attenzione verso tematiche ambientali e sociali, aderendo a importanti iniziative volte a proteggere e supportare le categorie più a rischio o in difficoltà. Ecco perché AGEMA CORPORATION crede fermamente nel progetto Arte. Un ponte tra culture e si augura che, dopo Brescia, venga adottato presto anche in altre città italiane. Dove ci sarà l’arte a fare da ponte fra le diverse culture, ci sarà anche AGEMA CORPORATION con un aiuto concreto per costruire il ponte della bellezza e della solidarietà.

Il coordinamento del progetto è di Giosi Archetti, presidente dell’Associazione Amici del FAI, coadiuvata dalla vicepresidente, Annamaria Morando.

Per informazioni:
tel. 02 467615203
i.redaelli@fondoambiente.it
tel. 02 467615314
ufficiostampa@fondoambiente.it

Sponsor presentazione progetto Arte. Un ponte tra culture