La tutela del nostro patrimonio passerà sempre di più anche attraverso le mani di quei cittadini stranieri che vivono nel nostro Paese e che, pur avendo lingue e culture differenti, sono parte integrante della nostra società e condividono l’amore per l’arte e la cultura italiana.

Per questo motivo il FAI ha lanciato a Brescia in occasione della Giornata FAI di Primavera 2008Arte: un ponte fra culture, iniziativa dell’Associazione Amici del FAI.

Grazie al successo della prima edizione, le visite guidate in lingua ai beni hanno coinvolto nel 2009 5 città e nel 2010 tremila persone in 20 città.

Sull’onda dell’entusiasmo per questa importante iniziativa, è stato poi organizzato a Brescia un corso per Mediatori Artistico-Culturali stranieri, frequentato da 27 persone provenienti da 17 Paesi diversi.

Dopo lezioni teoriche e visite a chiese, musei e siti archeologici della città, i partecipanti hanno potuto visitare un Bene FAI per comprendere a fondo il modo con cui la Fondazione tutela e promuove i beni culturali: il Castello di Avio a Sabbionara di Avio (TN), splendido complesso castellano tra i più suggestivi del Trentino.

Il primo risultato raggiunto dalla visita è stato lo spirito di solidarietà reciproca che si è immediatamente creato al di là della provenienza e della cultura dei singoli.

L’altra gradevole sorpresa è stata la disponibilità a mettersi in gioco confrontandosi sui temi culturali.

La sensazione finale è che visitare il Castello di Avio non sia stato per i partecipanti l’atto conclusivo del corso, perché in tutti loro rimarrà per sempre la consapevolezza che l’arte e la cultura possono davvero costituire un ponte tra persone e culture diverse.

I partecipanti potranno ora accompagnare amici e parenti a conoscere la città dove vivono parlando nella propria lingua, e diffondere la mission e l’attività del FAI diventando a loro volta dei promotori culturali.